Il gioco è una cosa seria. Anzi, tremendamente seria. (Johann Paul Friedrich Richter)

Mi piace molto questa frase perché la penso esattamente così, e proprio per questo appena è nata la monellina mi sono iniziata a documentare su come stimolarla correttamente, su cosa proporle in un’età così particolare.

Sembra quasi impossibile che un bimbo così piccolo possa già giocare e invece, da subito, recepisce ed elabora tutti gli stimoli che gli diamo. Soprattutto nei primi mesi di vita è emozionante vedere le conquiste, le scoperte e i progressi che fa di giorno in giorno.

Mia figlia non è mai stata una gran dormigliona, di giorno, e quindi mi sono dovuta da subito organizzare per intrattenerla…cosa non proprio semplice considerato che è nei primi sei mesi che si sviluppano le capacità motorie. All’inizio, per me, la difficoltà era proprio quella di trovare l’attività o il gioco adatto a lei, ma imparando a conoscerla e imparando ad “ascoltare” i suoi bisogni ci sono riuscita.

I suoi giochi preferiti:

    1. Il carillon: lei già lo “conosceva” o meglio conosceva la musica perché, su consiglio dell’ostetrica, ogni sera quando andavo a letto lo mettevo sul pancione e lo ascoltavamo per cinque minuti assieme al papà. Devo dire che non ha mai sortito l’effetto calmante e rilassante sperato, ma una volta nata ha da subito riconosciuto il suono ed è diventato il suo primo “gioco”.
    2. La giostrina musicale: dopo il carillon è stata sicuramente una delle suoi intrattenimenti preferiti. Si divertiva, oltre che ad ascoltare la musica, anche a seguire gli oggettini in movimento e, col passare dei mesi, cercare di afferrarli. Quello che ho utilizzato con lei è questo: Fisher Price W9913 – Giostrina della Giraffa
    3. Il bagnetto: è sicuramente un modo per poter coadiuvare coccole e gioco magari anche con il papà. Lei adora stare in acqua, in fondo rappresenta il ritorno al suo ambiente naturale e fatto di sera concilierà il sonno (in teoria).
    4. Canzoncine e filastrocche: da subito le ho cantato la ninna nanna, e già a due, tre mesi ho iniziato a cantarle qualche canzoncina…come me, ama le rime. Ricordiamoci che il “non verbale”, per loro, è molto più importante del “verbale” quindi imitazioni e gesti a go-go.
    5. Il tappeto: non volendola forzare in posizioni per lei ancora premature, ho prediletto un bel tappeto morbido sul pavimento. La tenevo un po’ a pancia in giù con qualche giochino davanti, e un po’ a pancia in su per potersi guardare intorno. Presto l’ho vista rotolarsi, strisciare e successivamente gattonare.
    6. Passeggiare: cosa c’è di meglio che passeggiare per poter soddisfare la loro voglia di scoprire ed esplorare! E se, come me, vi trovate con una neonata in pieno inverno anche portarla in giro tra le stanze di casa per loro è un divertimento.

Come scegliere

Ci sono una varietà di giochi, ormai, che a volte non sappiamo neanche cosa scegliere e, soprattutto, molte volte nonostante tutti i giochi che hanno prediligono oggetti di uso quotidiano. Possiamo prendere quelli che sono in commercio, più stereotipati o divertirci a costruire noi qualcosa su misura per loro. Sicuramente in entrambi i casi, bisogna fare attenzione ai materiali , proporre cose adatte alla loro età e predisporre un ambiente che offre i giusti stimoli e permetta di muoversi in sicurezza.

C’è un’ultima cosa che amano in questi mesi: la voce della mamma! Calma, incuriosisce, diverte, rassicura, insegna…

2 comments on “Attività e giochi per bambini da 0 a 6 mesi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *