Prima di andare un pò in vacanza, vi lascio una ricetta che mi sta molto a cuore. Tra le tante cose buone, belle e profumate di Sorrento ci sono sicuramente i limoni. E cosa c’è di meglio, in estate, che concludere una cena in terrazza con un bel bicchierino di limoncello fatto in casa?

Il limoncello è un fresco liquore digestivo, adatto soprattutto a fine pasto, tipico del mio paese e della Campania in generale. Non è un’impresa difficile farlo in casa e può essere un originale idea per un regalo faidate.

D’estate, soprattutto, il limoncello chiude il pranzo o la cena, un rito quasi pari al caffè. Ottimo se servito freddo, è piacevole da gustare anche a temperatura ambiente, o magari su gelati e macedonie.

La ricetta che vi propongo è, come sempre, quella utilizzata dalla mia famiglia, da mia madre. Posso assicurarvi che non farete brutta figura. Io, personalmente, da quando non c’è lei non l’ho più fatta…ma, forse, solo per una questione di ricordi! Prima o poi mi diletterò a farlo.

I limoni da preferire per la preparazione del limoncello, sono i tipici limoni sorrentini: dalla forma ovale, di dimensione medio-grossi, con la buccia ruvida di medio spessore con un profumo molto intenso e la polpa di color giallo paglierino con un succo altamente acido. Se poi conoscete la provenienza, o sono del vostro giardino, ancora meglio.

limoncello-limoni-sorrento

Ingredienti

  • 300 ml di Alcol Puro etilico 95°
  • 7 limoni
  • 300 gr. di zucchero
  • 300 ml di acqua

Preparazione

limoncello-contenitore

  1. Lavare bene e spazzolare i sette limoni;
  2. sbucciare i limoni con un pelapatate per evitare di prendere la parte bianca;
  3. mettere le scorze in infusione nell’alcol in un barattolo di vetro richiudibile, per cinque giorni;
  4. trascorsi i cinque giorni, far bollire l’acqua e lo zucchero e lasciarlo raffreddare;
  5. togliere le bucce dall’alcol;
  6. unire l’acqua e zucchero all’infuso;
  7. farlo riposare per ventiquattro ore sempre nel contenitore chiuso;
  8. trascorse queste ore, filtrarlo e metterlo nelle bottiglie;
  9. conservare in freezer

… e gustarlo freddo!

Questa ricetta la usiamo anche sostituendo i limoni con le arance.

Buone vacanze e buon ferragosto a tutti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *