Tiramisù con pavesini

Dopo la caprese, l’altro mio cavallo di battaglia è sicuramente il tiramisù. Mia madre faceva quello classico con i savoiardi ma io, su consiglio di un’amica, ho provato a farlo con i pavesini e devo dire che mi è piaciuto di più.

Con l’arrivo dell’estate è un dolce che fa la sua figura, facile da preparare e che può salvare una cena improvvisa. Ecco la ricetta:

Ingredienti

  • 1 pacco di pavesini (all’interno ci sono 8 confezioni)
  • 200 gr. di zucchero a velo
  • 4 tuorli
  • 250 gr. di mascarpone
  • 250 gr. di panna da montare
  • 200 gr. di cioccolato fondente
  • caffè q.b.
  • rum q.b.
  • cacao q.b.

Procedimento

  1. Prima di tutto  preparo il caffè, (di solito uso una caffettiera per 6 persone e una per 2) e lo lascio raffreddare.
  2. Monto la panna e la conservo, nel frattempo, in frigorifero.
  3. Trito il cioccolato fondente.
  4. Dopo divido i tuorli dagli albumi e monto i primi con lo zucchero a velo.
  5. Unisco al composto ottenuto, la panna e il mascarpone e faccio ben amalgamare il tutto.
  6. Verso il caffè in un contenitore e aggiungo il rum.
  7. Prendo un ruoto di 32 cm, che può andare nel congelatore.
  8. Bagno i pavesini nel caffè col rum, giusto un secondo per lato, e ne metto uno strato a ricoprire la base del ruoto.
  9. Sopra metto uno strato di crema e cospargo con le scaglie di cioccolato.
  10. Procedo con il secondo strato: pavesini, crema, cioccolato.
  11. Ed un ultimo livello sempre con pavesini, crema e cioccolato.
  12. Infine spargo del cacao sulla superficie.
  13. Conservo nel freezer.

Questa versione con i pavesini al posto dei savoiardi, rende il tiramisù ancor più simile ad una torta gelato. Personalmente piace bagnarli poco nel caffè col rum, in modo da sentire la loro croccantezza.

Potete sostituire il rum con del marsala, o del liquore al caffè. Come potete scegliere una versione più “morbida” e conservarlo in frigo invece che nel freezer.

Tirate il tiramisù fuori dal congelatore un trenta/quaranta minuti prima di servirlo e vi assicuro che il successo è garantito.

Quanto conta la differenza di età in amore

Non starò qui a parlare di cosa pensa la scienza o quali sono le statistiche più importanti sull’argomento. Non voglio soffermarmi su cosa può pensare “la gente” e su quanti pregiudizi ancora, nel 2016, esistono. Voglio parlare della mia storia d’amore, di quanto ha contato, e conta per me la differenza d’età che ho con mio marito. (altro…)

Vieste: la perla del Gargano

La prima vacanza che ho fatto con chi poi è diventato mio marito è stata in Puglia, e più precisamente a Vieste, sul Gargano. Io c’ero già stata in passato ma d’inverno e mi ero ripromessa di ritornarci in estate, nel pieno del suo splendore. (altro…)

La torta caprese: buona per ogni occasione

La torta caprese è, senza alcun dubbio, il mio dolce preferito sin da quando ero bambina; per tante ragioni continua ad esserlo e, col tempo, è diventata anche il mio “cavallo di battaglia“. Trovo che sia un dolce intercambiabile: può essere gustato a colazione e merenda nella sua semplicità, come può essere servito a fine pasto, accompagnato da una pallina di gelato alla vaniglia o panna montata. (altro…)

Attività e giochi per bambini da 0 a 6 mesi

Il gioco è una cosa seria. Anzi, tremendamente seria. (Johann Paul Friedrich Richter)

Mi piace molto questa frase perché la penso esattamente così, e proprio per questo appena è nata la monellina mi sono iniziata a documentare su come stimolarla correttamente, su cosa proporle in un’età così particolare. (altro…)

Alimentazione del bambino dopo il primo anno

Con il compimento del primo anno di età, terminato lo svezzamento, il bambino può praticamente mangiare tutto. Man mano abbiamo imparato anche i suoi gusti che in questa fase diventano sempre più precisi. E’ importante mettere dall’inizio delle buone basi per una corretta educazione alimentare, quindi scegliere i cibi giusti e dare delle giuste regole. (altro…)

Vivere in un paese che non è il tuo

Sono quattro anni che mi “divido” tra la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana; tra Meta, il mio paese d’origine e Positano, il mio paese d’adozione. Due luoghi meravigliosi che distano solo 14 km l’uno dall’altro, 30 minuti di auto; strada e tempo che a volte benedico altre maledico. (altro…)