“Ciao, sono la monella e sono 27 giorni e 13 ore che non prendo più il ciuccio.

Ho aspettato quasi un mese prima di cantare vittoria, ma ora posso dire che siamo fuori dal tunnel… abbiamo affrontato e superato anche la fase del ciuccio. Non era previsto questo nuovo cambiamento, considerato che la piccola aveva digerito da poco l’inserimento al nido, ma per una casualità ci siamo trovati a scegliere se cogliere l’attimo o no. Premetto che lei non lo ha mai usato moltissimo, lo chiedeva per dormire o quando era particolarmente stanca/scocciata/dolorante; ma da quando era stata influenzata aveva preso una fissa e a me non piaceva proprio questa cosa.

togliere-il-ciuccio-a-due-anni

Vi racconto com’è andata:

stavamo rientrando a casa in auto, lei aveva il ciuccio in bocca (come sempre quando si metteva in macchina) e all’improvviso gli è caduto. Una volta parcheggiato ho cercato il benedetto ciucciotto ovunque ma niente, non l’ho trovato. Dopo cena è sceso mio marito a controllare senza nessun esito. La piccola monella, intanto, lo ha chiesto però ricordava di averlo perso “nella macchina di mamma”.

Ora le possibilità erano due: prendere la palla al balzo e provare a toglierlo oppure darle uno nuovo che, naturalmente, avevo. Scelsi, con il parere non troppo favorevole del papà, la prima opzione. Quella sera a letto lo ha chiesto una volta sola e poi si è addormentata senza nessuna crisi di pianto o altro; la mattina si è svegliata alle sei e non è riuscita a riprendere sonno non sentendo più la stanchezza e non avendo l’effetto suzione.

I primissimi giorni

Durante la mattinata lo ha richiesto ed io le ho detto che se non lo avevamo trovato significava che l’aveva preso la fatina del ciuccio e lei esplode in un sonoro “nooooo”; allora le ho spiegato che se lo aveva preso lei avrebbe sicuramente lasciato un regalino. Rincuorata! Ho chiamato mio marito e gli ho chiesto di tornare a casa con un pensierino per la piccola peste. A pranzo il papino rientra con un fantastico ombrellino di hello kitty per la grande gioia della figlia che ne voleva uno tutto suo già da qualche giorno; per tutto il giorno, sera compresa, non chiede più del ciuccio.

Il giorno dopo ancora, non lo chiede; la sera nel letto ne vuole parlare, mi chiede se anche la cuginetta va a ninna senza ciuccio ed io le rispondo di si (una piccola bugia bianca), le dico che ormai sono grandi e non ce n’è più bisogno; allora lei mi dice che però i piccolini a scuola ce l’hanno ed io cerco di spiegarle che incontrerà sempre bimbi col ciuccio ma che lei, ormai, è diventata una bimba grande e brava e che per questo non lo prende più. Si addormenta.

togliere-il-ciuccio-regalo
la monella e il regalo della fatina del ciuccio

I giorni successivi

Naturalmente, anche il ciuccio sul suo lettino a scuola è “scomparso” ma lei lì non ha battuto ciglio. Resta tranquilla per un po’ di giorni, poi inizia qualche capriccio. Non ha più chiesto spudoratamente il ciuccio ma si capisce benissimo che i suoi capricci e il suo nervosismo sono dovuti a quello. Quindi solo tanta pazienza e tante coccole e si va avanti. Col passare del tempo è andata sempre meglio.

Cos’è cambiato

Al di là di qualche giorno particolarmente sul nervoso, i cambiamenti che ho notato sono principalmente due.  Il primo è che il pomeriggio dopo il riposino (o a volte la sera), ma solo se stiamo a casa, chiede il “lattuccio caldo” come se vuole rilassarsi quei cinque minuti ciucciando la bottiglina di latte. La seconda novità, meno piacevole, è che cerca di mettere le mani in bocca, anche perchè sta mettendo i molari 🙁 ; quindi io sto continuamente a dire di “togliere le mani da bocca”.

In conclusione

Mi ritengo fortunata per come la mia cucciola ha affrontato questo nuovo step. Io, e soprattutto mio marito, temevamo scene di isterismo, crisi da “astinenza”, notti in bianco, e invece…come sempre i bambini sanno stupirci e sanno accogliere le novità molto meglio di noi.

Qual’è stata la vostra esperienza?

5 comments on “Togliere il ciuccio a due anni: la mia esperienza”

  1. Io ho provato a farle prendere il ciuccio per tre mesi, ma nada!! Mai voluto, mai usato… non ha usato nemmeno il dito, e quando al nido quasi tutti lo avevano mi chiedeva perché lei invece no… non so se ci proverò con il secondo!

    • Io ho “insistito” col ciuccio proprio per timore del dito…pensavo “poi come la faccio smettere che è sempre lì a portata di mano?”
      Però anche io sono indecisa per la seconda…vorrei provare a non darle niente!
      Grazie per la tua testimonianza 😊

  2. Anche noi abbiamo colto la palla al balzo, non aveva ancora compiuto due anni… Non l’ha mai cercato e non ha mai pianto! E io che mi preoccupavo su come avrei fatto a toglierlo! 😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *