Follow:
Io Donna

0 virgola 6 il racconto di Maddalena

0 virgola 6

È passato quasi un mese da quando, in una sola sera, ho letto 0 virgola 6 il racconto di Maddalena. È passato quasi un mese da quando le ho chiesto se avessi potuto scriverne un post.

In questi giorni ho scritto e cancellato, riscritto e cancellato ancora. Non riuscivo a trovare le parole giuste, non mi ritenevo all’altezza di parlarne. Ci ho messo un po’ ma eccomi qui.

Chi è Madda?

Maddalena è una mamma, una blogger…per me una poetessa. L’ho “conosciuta” online tramite il suo blog Pensieri Rotondi e mi ha, da subito, rapito il suo modo di raccontare. Lei narra.

Quando parlo di Madda dico sempre che lei è capace di trasformare in poesia anche una visita medica (e lo fa davvero, eh!). Quando si legge poi dei suoi figli, del suo essere madre, tutto prende ancora più forma e più colore. Oltre a questo suo talento naturale mi piace la sua schiettezza, il suo essere vera e sincera.

Ho visto Madda oltre lo schermo a maggio scorso, al MammacheBlog, ed è stato strano perché mi sembrava già di conoscerla. La cosa più bella è stata, proprio, scoprire che l’idea che mi ero fatta di lei tramite le pagine del suo blog coincideva perfettamente con la realtà.

0 virgola 6 il racconto di Maddalena

Quando ha annunciato l’uscita del suo racconto, chiaramente, non ho esitato ad acquistarlo. Era scomparsa per un po’ nelle feste di Natale e immaginavo che tra quelle pagine ci fosse scritto il motivo. Ho esitato – invece – a leggerlo.

Ho aspettato un paio di giorni da quando il corriere me lo ha consegnato, volevo essere pronta. Ho pensato “se ogni suo post mi crea sempre una grande emozione, figurati il libro”. Ho fatto bene. Il suo racconto si legge in pochissimo tempo e lo dice una che ha una pila di libri (iniziati) sul suo comodino. Quando lo si apre non lo si riesce a chiudere se non è terminato.

“C’è un solo modo per essere felici: essere tristi. Lo so che sembra assurdo, ma se non ascolto questa tristezza lei poi m’inseguirà. Bisogna lasciarla venire, e poi tornerà la voglia di tutto; e tutte le cose belle.”

0 virgola 6 il racconto di Maddalena come di tante altre mamme, di altri genitori. È una storia vera, cruda, di dolore, di famiglia. Mi ha fatto piangere, tanto e tanto anche una volta finito, anche se non mi sono mai trovata nella situazione. Sono stata male nel sapere lei in quella condizione.

Mi ha emozionato moltissimo, le sue parole mi sono arrivate forti e dirette. Mi ha scosso e smosso dentro. Ha fatto riemergere in me un desiderio che per timore tengo sopito nel mio cuore. E ancora adesso, in questo istante, mentre scrivo mi fa salire le lacrime agli occhi.

Non voglio dirvi di più, non saprei dirvi di più. Se siete pronti ad emozioni forti, leggetelo. Potete acquistarlo su Amazon. Ah…giusto per…non è un post sponsorizzato. È solo un piccolo umile omaggio ad un’amica.

Ti voglio bene Madda.

Share:
Previous Post Next Post

You may also like

2 Comments

  • Reply Maddalena

    Sbagli a non sentirti all’altezza: sono io, ad essere onorata. Per l’emozione che hai messo in queste parole, per il tributo, e anche per il tuo affetto. Me li prendo tutti, ché in questo periodo acciaccato mi fanno bene. Grazie Diana, un abbraccio lungo un paio di mesi: e poi ci vediamo al Mammacheblog. :*

    4 Marzo 2019 at 10:49
    • Reply Diana

      Non vedo l’ora di rivederti e riabbracciarti :*

      4 Marzo 2019 at 11:14

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.