Mese: maggio 2016

Vacanza a Pantelleria

Siamo stati su questa fantastica isola nel 2013, dal 13 al 24 agosto. Il pacchetto comprendeva volo da Roma, soggiorno in un dammuso e il noleggio di uno scooter. Una combinazione rivelatasi perfetta.

Soggiornare in un dammuso, le loro tipiche costruzioni in pietra lavica, ci ha dato quell’autonomia e quella libertà di orari, che in una vacanza sono benedette. Stesso discorso per il noleggio dello scooter, ci ha permesso di girare l’isola in totale indipendenza.

Mare e spiagge

pantelleria-mare

A Pantelleria spiagge di sabbia non ne troverete perché è un’isola di origine vulcanica, sono presenti numerose discese a mare rocciose, l’isola infatti offre moltissime calette, baie e grotte raggiungibili dalla terra ferma ed alcune, invece, solamente dal mare. Le spiagge di sabbia non sono neanche molto ricercate: l’isola si distingue dal resto proprio per le sue diversità e il suo essere ancora “selvaggia“.

Il mare è spettacolare ovunque, in dieci giorni abbiamo potuto ammirare tanti colori, bellissimi fondali e piscine naturali limpide e fresche. Con lo scooter ci siamo fatti tutta la parte est e abbiamo fatto il bagno a: Bue Marino, Campobello, Arco dell’Elefante, Cala Levante e Tramontana, Gadir, Cala Cottone, Punta Spadillo, Laghetto delle Ondine.

Ammirare dal mare Pantelleria e le sue spiagge è sicuramente un’occasione da non perdere perché mostra uno dei lati nascosti dell’isola. Non si può poi dire di conoscere il mare di Pantelleria se non si fa il giro dell’isola in barca: in particolare dove la costa, estremamente frastagliata, offre insenature e approdi naturali con spiaggette di ciottoli e di ghiaia finissima.

Mare e terme

lago-di-venere

In quest’isola, io e mio marito, siamo riusciti ad unire due nostre passioni: il mare e le terme. Pantelleria è ricca di sorgenti termali, la riva di un lago offre fanghi naturali e in una grande montagna puoi fare una sauna rilassante. Ecco cosa abbiamo visitato:

Il lago di Venere: offre una vera e propria cura di bellezza tutta naturale e gratuita, dove ci si può rilassare nelle piccole vasche naturali di acqua calda presenti sulle sponde e approfittare dei fanghi. Il trattamento prevede l’ immersione dal lato dove l’acqua bolle per un po’ di minuti, usciti dall’acqua si raccoglie del fango dal fondo per spalmarselo sul corpo; poi si fa asciugare passeggiando e ci si rilava solo dopo la completa essiccatura. Il risultato del trattamento è una pelle liscia ma soprattutto più pura.

La Cala di Gadir: è una località conosciuta ed apprezzata fin dall’antichità per la presenza di acque termali, circoscritte in vasche scavate nella roccia, in cui la temperatura varia dai 40 ai 55° C. Queste acque dolci contengono sali minerali di provata efficacia terapeutica, ideali per la cura di artrosi e reumatismi. Sulle pareti delle vasche nasce un’alga indicata per curare sinusiti, raffreddori e piccoli problemi alle vie respiratorie.

Bagno Asciutto: su un costone della Montagna Grande, è possibile accedere alla sauna di Benikulà. Raggiungibile tramite un’antica mulattiera, a tratti divenuta un sentiero sterrato, ma di rara bellezza ed originalità. All’interno di un anfratto, dove sorgono sedili in pietra lavica, vapori sotteranei, consentono di fare delle saune rigeneranti, magari al tramonto (o al mattino presto), con la vista di un paesaggio tipico, molto suggestivo: la piana di Monastero con il mar Mediterraneo sullo sfondo.

Pantelleria con i bambini

Non è impossibile andare a Pantelleria con i bambini, ci sono calette facili da raggiungere e con accessi al mare altrettanto fattibili. Personalmente, però, non andrei con una bimba piccola (tipo la mia che ha 19 mesi)…non potrei godermi l’isola appieno. Preferirei aspettare qualche anno.

Bilancio finale

Da questa vacanza è nata la mia “passione” per la Sicilia. Per me e mio marito è stata una seconda luna di miele, una settimana di puro relax. Fare colazione, o cena, sulla terrazza di un dammuso con con vista mare, percepire il silenzio e i profumi dell’isola…non ha prezzo!

 

 

Crescere un figlio senza aiuti

Quando ho scoperto di essere incinta, sapevo benissimo che avrei dovuto crescere un figlio senza aiuti. Sapevo che avrei potuto contare solo sulle mie forze e, al massimo, su quelle di mio marito quando rientrava da lavoro. Ma, come sempre, immaginazione e realtà sono ben diverse. (altro…)

Come cambia il corpo dopo la gravidanza

Premetto che, da ex ballerina di danza classica, sono sempre stata ipercritica sul mio aspetto fisico (e anche un pò degli altri, a dire il vero). Nonostante questo, durante la gravidanza, i cambiamenti che essa avrebbe portato, non mi spaventavano. Ma è vero anche che fino a quando non ti trovi nelle situazioni, non puoi capire al cento per cento. (altro…)

Liebster Award Discover New Blogs

Sono stata nominata da Teresa Locuoco di mammaestile.wordpress.com che ringrazio molto per l’opportunità di farmi conoscere in modo simpatico.

Rispondo alle sue domande:

  1. Com’è nata l’idea del tuo blog? E’ nata, innanzitutto, dalla voglia di creare qualcosa di “mio” e dalla voglia di condividere la mia vita da mamma (e non solo) con gli altri.
  2. Quali sono i tuoi interessi? Mi piace leggere, passeggiare, viaggiare, ascoltare musica, trascorrere del tempo con le mie amiche.
  3. Cosa fai nella vita? La mamma, la moglie…la figlia. A tempo pieno.
  4. Che rapporto hai con i tuoi figli? Con la mia monella di 18 mesi, al momento, ho un ottimo rapporto nonostante lei abbia già il suo bel caratterino.
  5. Dicono di te…? Non saprei… che sono testarda, decisa, disponibile.
  6. Di cosa parli nel tuo blog? Della mia vita di mamma, di moglie, di figlia. Di ciò che faccio con la mia bimba, dei miei piatti preferiti, dei miei viaggi (che ho fatto e che vorrei fare). Di me.
  7. Ti senti più casual o chic? Casual, sicuramente!
  8. Che rapporto hai con le tue amiche e sorelle o fratelli? Amiche pochissime (rare) ma con un rapporto di sorellanza, e un fratello che vive lontano da me ma con il quale ho un rapporto fantastico.
  9. Il tuo più grande difetto? La testardaggine
  10. Che fai nella vita? vedi risposta n. 3
  11. Quanta importanza dai alla vita lavorativa e sociale? Lavorativa, al momento, non ce l’ho. Alla vita sociale do abbastanza importanza.

Le mie domande per voi:

  1. Dicono di te?
  2. Cosa fai nella vita?
  3. Com’è nata l’idea del blog?
  4. Di cosa parla il tuo blog?
  5. Quali sono i tuoi interessi?
  6. Cosa ti piace fare con i tuoi figli, o in generale con la tua famiglia?
  7. Che rapporto hai con familiari e amici?
  8. Qual è il tuo più grande pregio?
  9. E il tuo più grande difetto?
  10. Cosa ti piace “vedere”, e cosa no, nelle persone?
  11. Qual è il tuo animale preferito?

Come partecipare

Quello che bisogna fare per partecipare al concorso è nominare la blogger che vi ha candidate, seguirla, rispondere alle domande che vi ha fatto, nominare altre blogger ed elaborare per loro le vostre 11 domande. Infine pubblicare il logo del concorso.

I miei “nominati”:

nicolettamammaimperfetta.blogspot.it

lacuochettaeilpiccolochef.blogspot.it

arrivalacicogna.com

zyzagando.blogspot.com

illaboratoriocreativodiscarlett.wordpress.com

aritechel.it