Stanotte all’una e trenta ero a bussare alla porta dei “signori” del piano di sopra. Pallina si era già svegliata due volte. Mio marito si girava e rigirava nel letto. La vita da condominio, quanta pazienza. (altro…)