Avevo temporeggiato finora, il meteo mi aveva fatto desistere e invece anche quest’anno è arrivato il fatidico giorno in cui pronuncio la frase “odio il weekend”.

Odio il weekend
Photo by Roberto Nickson (@g) on Unsplash

D’estate i miei sabato e le mie domeniche sono quasi sempre uguali: si va al mare. Se in settimana vado in spiaggia da sola con le due bimbe nel pomeriggio, nel weekend andiamo col papà tutto il giorno e, magari, ne approfittiamo per raggiungere qualche meta più lontana.

Apro ufficialmente la stagione “odio il weekend” per 5 motivi:

  1. Le bimbe si ammalano sempre il venerdì sera, è la regola numero 1 (o sbaglio?). Tu aspetti una settimana intera per poter uscire, andare in gita fuori porta e… il termometro sale inevitabilmente.
  2. Tu casalinga – come sopra – aspetti con ansia che arrivi il sabato per poterti chiudere alle spalle la porta di casa e invece tuo marito, che grazie (e non uso a caso questo termine) al lavoro esce cinque giorni su sette, vuole starsene sul divano davanti alla tv.
  3. Con quasi la stessa probabilità del motivo numero 1, nel fine settimana piove. E quando diluvia cosa diamine puoi fare? Centro commerciale? Si, con due bimbe piccole è molto rilassante e divertente. Pranzo fuori? Sempre a mangiare si finisce, ciaone dieta.
  4. Le aspettative sono troppo e troppo alte. Me lo dico ogni domenica sera, come adesso che sto qui a scrivere, si chiede troppo a questi due giorni. Si vorrebbe dormire fino a tardi. Si partirebbe un sabato si e uno no. Si vorrebbe vedere cose nuove. Ma non è sempre possibile fare questo. Dormire fino a tardi soprattutto.
  5. Il cambio routine, a volte, fa brutti scherzi. Almeno qui, a casa mia, è così. Soprattutto nei passaggi di stagione. In settimana, da sola con Topolina e Pallina, ho i miei ritmi, le mie abitudini. Anche le bambine hanno i loro orari, le loro regole. Quando c’è mio marito gli equilibri si alterano e impieghiamo un po’ per riequilibrarci.

Riequilibrio modalità on

Non è sempre facile venirsi incontro, cercare un punto comune. Soprattutto quando in famiglia ci sono i bambini. Loro sono la priorità e tu cerchi di incastrare i tuoi bisogni tra i loro.

Qui, il weekend: Topolina vorrebbe andare ancora al mare, Pallina vorrebbe stare solo fuori casa. Il marito vorrebbe riposare un poco in più, io vorrei staccare la spina.

Come ci organizziamo? Ripeto non è sempre facile e a volte ci si inalbera. In linea di massima, cerchiamo di alternare weekend in casa a quelli fuori. Tentiamo sempre di creare qualche momento un po’ diverso o particolare per le piccole monelle. E se riusciamo un attimo di svago per noi.

Sicuramente sono due giorni in cui prevale la lentezza, le coccole sul lettone, i giochi tutti insieme. Non è male, dobbiamo solo fare “il cambio di stagione” anche nella nostra testa.

Voi cosa fate nel weekend? Li amate o li odiate?

 

 

PS.: nella foto non sono io. È il mio concetto di weekend 😂

8 commenti il Apro ufficialmente la stagione “odio il weekend”

  1. Sono giunta ad una tremenda conclusione preferisco la routine della settimana. Il sabato si vorrebbe fare chissà cosa.. poi si finisce per stare in casa dove trovare un equilibrio per quattro ( nel mio caso) non è per niente facile.

  2. Io amo il week- end che sia bello o brutto tempo. Perché finalmente ho due giorni in cui non devo andare di corsa, rispettare la timbratura del cartellino. Il weekend per me deve essere slowly soprattutto per i bambini che durante tutta la settimana sno costretti a rispettare orari e corse insieme a me.

  3. Titolo troppo provocante per non venirti a leggere! Adesso capisco… Non ho bimbi ma quasi quasi mi riconosco in te. Ti spiego, il mio week-end è fatto di un unico giorno la domenica, e lì accumulo tutto: vorrei andare per boschi con Giovanni e Frodo (cosa che puntualmente facciamo), vorrei visitare paesini e paeselli (più rari, perché alla fin fine preferisco il bosco), vorrei stare a casa a leggere, vorrei prendermela comoda, vorrei fare un viaggio di giornata verso una destinazione più lontana….vorrei… vorrei vorrei! L’unica differenza è che il mio conflitto è tutto interiore 😉

  4. Bellissimo! Adoro chi si lamenta… perché mi somiglia. 😉 Comunque una cosa positiva c’è: se si ammalano nel w.e. c’è anche il papà a occuparsi di loro. Insomma tu potresti lasciare le figlie a lui e… raggiungere la dama nella foto!

    • Da buona meteoropatica è il periodo dei “capricci” 😁. Come ti dicevo su fb, il papà per qualche ora accondiscende. Tutto il giorno solo in casi estremi 😜

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.