Follow:
Browsing Tag:

incontri

    Io Donna, Uncategorized

    MammacheBlog: zero distanze più rapporti

    MammacheBlog: zero distanze più rapporti

    Ebbene sì, sono rientrata a casa, al mio paesino, alla mia rumorosa quotidianità. Riassunto? MammacheBlog: zero distanze più rapporti.

    Un weekend breve ma intenso. Un weekend per me ma assieme alla mia famiglia. Alla sua decima edizione per Fattore Mamma che lo ha creato, alla seconda per me che partecipo.

    MammacheBlog: zero distanze più rapporti

    Stanotte non riuscivo ad abbandonarmi alle braccia di Morfeo, forse la troppa stanchezza, forse lo scarico di adrenalina delle ultime quaranta ore e mi sono persa a pensare come descrivere in una sola frase questo MammacheBlog 2019.

    Mi sono concentrata su quello che significa, principalmente, per me. Cosa mi ha fatto alzare alle quattro di mattina, farmi tre ore e mezza di viaggio, prendere auto aereo treno. Coinvolgere in tutto questo la mia famiglia.

    Zero distanze

    Ci si ritrova, ogni anno, a Milano ma veniamo da tutta Italia (e non solo). Chi da solo, chi in famiglia, chi solo per la giornata, chi per il weekend. Si risponde “si” con piacere alla padrona di casa di questo evento, Jolanda Restano, che con il suo campanello – rigorosamente in verde – ci dà il benvenuto.

    Da sempre impegnata ad annullare le distanze tra mamme blogger e brand, Fattore Mamma con il MammacheBlog, taglia anche quelle far di noi. E il mettersi in viaggio è sempre una cosa positiva.

    Io, personalmente, non ci ho pensato due volte ad iscrivermi. L’anno scorso era stata per me un’esperienza fantastica, non avevo ragioni per non partecipare.

    Più rapporti

    O forse è più giusto dire più reali. Come vi dicevo anche l’anno scorso, questo aspetto è per me quello più bello. I rapporti che per un anno intero, o forse più, si sono creati e curati attraverso un freddo schermo si consolidano in un caldo abbraccio.

    Volti e voci che mi accompagnano quotidianamente, che sono familiari diventano concreti. Tangibili. Al MammacheBlog si ha la possibilità di conoscere nuove persone, nuove mamme blogger (o papà blogger), qualche brand.

    Il confronto è un altro aspetto che adoro. Parlare con chi mastica la stessa materia, con chi sbotta per la stessa problematica. Dire a chi è più “grande” di me “complimenti, ti stimo!” o a chi è “piccolino” come me “dai, non molliamo!”.

    Cosa mi sono portata a casa

    Più dei corsi che ho avuto la possibilità di seguire. Al di là dell’organizzazione sempre impeccabile e curata. Oltre alla bravura e pazienza delle ragazze dell’animazione che hanno intrattenuto i nostri figli tutto il giorno.

    Ecco… all’infuori di tutto quello che vi ho già detto sono rientrata con dieci fermi immagine.

    1. Ritrovarmi con le mie colleghe Ambassador
    2. Riabbracciare Madda di Pensieri Rotondi e abbracciare la tremante Chiara di Una Mamma Zen
    3. La semplicità, la chiarezza e la bravura di Gioia Gottini
    4. Lo scambio di battute con la bellissima Valentina di Mamme a Spillo
    5. Le mie bimbe che non volevano andar via
    6. L’energia positiva che si respirava
    7. Il mio non sentirmi fuori posto
    8. Avere mio marito accanto (anche se coalizzato con gli altri papà “sequestrati” 😁)
    9. Il “sono a lavoro di mamma” della mia Topolina
    10. Sentire crescere un pezzettino in più la mia passione

    MammacheBlog: zero distanze più rapporti

    È sicuramente la frase che sintetizza meglio questo evento. È di sicuro il motivo che mi fa partecipare. È indubbiamente quello che riesco a trasmettere anche alla mia famiglia.

    Forse qualcuno starà pensando “embe?” “che importa a chi non è blogger?”. Il messaggio che ho piacere di far passare attraverso questo racconto è un po’ quello di tutti i miei aneddoti: non mollare!

    Non li chiudete a chiave i cassetti con i vostri sogni. Anche se la vita vi travolge, anche se con i bimbi molte cose cambiano, anche se bisogna reinventarsi più e più volte. Mettetevi in viaggio, sentitevi a vostro agio e mai sbagliati. Non mollate! E fatelo per voi stessi!

    Share: