Tag: io

Il mio secondo bilancio riguarda me stessa

Bilancio su me stessa

Non è una passeggiata esaminarsi, ripercorrere quello che si è stati. Il mio secondo bilancio riguarda me stessa e non è semplice farlo.

Inevitabilmente ci si sofferma sui propri limiti, i propri errori e tutto ciò che si ha di buono sembra difficile farlo venire a galla. Almeno per me è così. Questo post sarebbe dovuto uscire a fine anno, ma ci ho messo un po’ a buttar giù queste righe.

Il 2018 mi ha tolto di nuovo tanto, affettivamente parlando, e la perdita di mio zio mi ha fatto riflettere moltissimo.

Ho, sicuramente, ancora molto da lavorare su:

  • l’accettazione della perdita di mia madre. Sono passati sei anni ma è evidente che non riesco ad elaborare. Sono ancora arrabbiata, mi pongo ancora tante domande a cui nessuno può rispondere, sento troppo la sua mancanza. Mi sento spesso sola.
  • Non forzare porte chiuse. Non riesco a chiudere definitivamente i rapporti (di amicizia) ma capita che, poi, mi faccio del male. Devo imparare a tagliare i rami secchi. Di questa cosa, prometto, ve ne parlerò meglio.
  • Diventare una brava casalinga. Una cosa un po’ più pratica. Vi ho già detto e ridetto che questa “condizione” non mi piace, che voglio un lavoro ma al momento è così e quindi voglio impegnarmi di più. Le faccende di casa non mi entusiasmano, le faccio ma “schiattatncuorp” (come si dice da me) e non va bene.

Sono, invece, fiera di me per:

  • la mia determinazione, in primis, che mi ha portato a Milano per ben tre volte. Prima lasciare le bambine era impensabile, piano piano sono riuscita a crearmi del supporto. Soprattutto quello più importante, di mio marito. La tenacia di voler portare avanti questo progetto tutto mio e solo mio.
  • La mia piccola ma grande famiglia. Il legame che unisce mio padre e mio fratello – le mie radici – alla famiglia che mi sono creata – il mio futuro – compensa tante altre mancanze che mi portano dispiacere.
  • La cura di me stessa. Mi ero presa questo impegno ad ottobre e sto riuscendo a mantenere fede alla promessa fatta alla mia persona. La mattina anche solo un filo di rossetto e del mascara, mi fanno sentire meno sciatta. Il circuito giornaliero, l’allenamento a casa, mi permette di dedicare del tempo al mio corpo e cercare di ritrovare una forma che mi piace. Tutto correlato da una sana alimentazione che in queste vacanze di Natale è andata a farsi benedire 😬.

Il mio secondo bilancio riguarda me stessa e tutto sommato chiude in pareggio. Sono spesso troppo severa con me stessa ma ogni tanto necessito di una pacca sulla spalla.

E voi cosa pensate di voi stesse se ripercorrete l’anno appena trascorso?

Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di gennaio 2019 indetto dal blog Trippando

Ottobre mio caro sono pronta al varo

Ottobre

Dopo aver tirato i remi in barca, e sfruttato settembre per studiare e programmare, si riparte. Ottobre mio caro sono pronta al varo. (altro…)

Un altro anno se ne va: ecco il mio 2016

Troppo spesso la nostra vita sempre frenetica, sempre in corsa, non ci permette di fermarci a riflettere. Cercare di osservare da “esterni” il nostro vissuto, analizzarlo, apprezzarlo. Vedere cosa ha funzionato, cosa no, cosa tentare di cambiare e cosa proteggere con tutte le nostre forze. (altro…)

#RememberNovember: guardando al futuro

Ed eccomi arrivata alla fine di questo percorso, un mese per riscoprirmi, quattro settimane per ripercorrere la mia vita, trenta giorni dove sono riuscita a ritagliarmi del tempo tutto mio. (altro…)

#RememberNovember: alla riscoperta di me, dal passato al presente

Questo percorso iniziato, ormai, venti giorni fa mi riporta al “qui ed ora“. Come sto, come mi vedo e come mi vedono, chi c’è accanto a me, cosa leggo e che passioni coltivo. (altro…)

#RememberNovember: un mese per riscoprirmi partendo dal passato

Essendo “nuova” di questo mondo, non conoscevo Silvia Ceriegi e il suo Trippando, ma avevo visto che la mia mentore Angela Ercolano di Supermamma aveva condiviso il link di questo corso…e mi sono detta “perchè non farlo?”. (altro…)

La “fase dei no”: che disperazione!

Ebbene si… siamo in piena fase dei no, decisamente nel periodo dei “terribles two” (ci siamo un poco anticipate!), nello stato di pura ribellione. (altro…)

Avere un brutto carattere

Sin dai tempi della mia adolescenza mi sono sentita dire spesse volte, da amici e parenti, di avere un brutto carattere. C’è stato un periodo che ho iniziato quasi a crederlo anche io. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: